A sangue freddo

“A sangue freddo”, Truman Capote, Garzanti.

Bravo Capote, bravissimo in questa prova di reportage giornalistico. Descrive tutto in modo accurato, ma senza diventare pedante e prolisso; non ci sono mai giudizi, lui si limita a riportare i fatti nudi e crudi, ha raccolto tutte le informazioni necessarie e le mette insieme per il lettore. Impresa non facile quella di essere completamente obiettivo e sopra le parti in una narrazione di un fatto di cronaca dove ci sono assassini e assassinati, dove si parla di pena di morte, ma Capote lascia completamente libero il lettore di decidere se schierarsi e dove schierarsi.
Forse non serve schiearsi da nessunan parte, alla fine quattro persone sono state assassinate senza nessun motivo logico, due persone sono state giustiziate per questo. La morte si manifesta prima del previsto ed in maniera innaturale per tutte queste persone.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...