Mamma mia le cento lire adesso devi darmi, parto per l’America perchè voglio armarmi con le armi

“Il cuore nero di Paris Trout, Pete Dexter, Einaudi.

Cittadino medio dell’America polverosa e cattiva degli anni cinquanta, gestisce il suo emporio e con il suo cuore d’oro presta soldi ai neri che si vogliono comprare una macchina.
Solo che questo cittadino ha un suo personale senso della giustizia: se non paghi, vengo a riscuotere io personalmente, il mio credito e ci vengo armato ben benino. Faccio un casino, tirapugni, pistole, fucili e non guardo in faccia a nessuno.
Ecco che una cosa piccola piccola sta per scoppiare, il cuore nero di Paris Trout, esplode e fa un casino.
E fa un casino anche nei miei sogni, questo libro non lo potevo leggere prima di addormentarmi, se no addio sogni, dolci sogni.
Una lettura che prosegue in un crescendo di violenza e con la sensazione che qualcosa sia sempre lì lì per fare il botto, e alla fine ti viene anche da dire: “che figo sto cuore nero di Paris Trout, gliel’ha fatta a tutti”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...