Realismo magico ma vaffanculo

“La sessualità della pantera rosa”, Efraim Medina Reyes, Feltrinelli.

Questo libro lo si legge con un mezzo sorriso stampato in faccia, linguaggio crudo e tagliente a raccontare storie tanto realistiche da sembrare surreali.
Ci sono dei picchi di poesia, alcune riflessioni da filosofia di stada sono molto più poetiche di quelle degli stucchevoli compatrioti di Medina Reyes a cui lui fa visibilmente il verso perchè si crogiolano nell’autocompiacimento della loro stucchevolezza. C’è un’osservazione sulla Allende che ti fa venire voglia di andare a dare una pacchetta sulla spalla all’autore e dirgli sei un grande.
E anche lo scenario che fa da sfondo alle avventure dei protagonisti è chiaramente in polemica con gli ovattati e magici scenari dei best sellers sudamericani; Città Immobile è corse, è gente affannata che fa della fretta il suo stile di vita, è amori consumati in fretta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...