Sento puzza di cavolata new age

“Albina o il popolo dei cani”, Alejandro Jodorowsky, Feltrinelli.

E’ un librettino, accompagnato da alcuni fumetti delle mirabolanti avventure di questa gigantessa di nome Albina che trasuda sensualità. Albina si scopre affetta da un maleficio, curabile solo attraverso una pianta che cresce ogni tot secoli che, chiaramente, va trovata in un deserto e quindi parte con la sua armata brancaleone a cercare la sua salvezza. Fin qui poteva funzionare, ma ogni tanto l’autore ci ficca dentro delle massime new age, la solita formulina della lotta male-bene e si prende pure sul serio. Ecco questo, mi lascia un po’ perplessa, l’avesse fatto con ironia il polpettino new age l’avrei gradito, invece questa cosa delle massime di vita finisce sempre con l’irritarmi un po’.
I disegni che accompagnano la narrazione sono stati un tuffone nel passato, ricordano quegli albi di fumetti porno-erotici che il barbiere di mio nonno teneva nel salottino di attesa.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...