L’ottimismo dei disperati

“Dimmi che mi ami Junie Moon”, Marjorie Kellog, Club degli Editori. Quando ero piccola, il dio delle reti televisive stava testando le paytv e per farlo mandava un palinsesto sempre uguale a se stesso di film vecchi e non famosissimi, fu così che vidi tanti bei film…e avevo visto a ripetizione il film “Dimmi che…

Come far perdere la testa al proprio marito

“Pazzi in Albama”, Mark Childress, Piemme. Una parodia dolce-amara di Alice nel paese delle meraviglie; c’è una regina della casa che fa saltare la testa al marito perchè lui frustra i suoi sogni e la sua vita, poi si infila questa testolina di ***** in un Tupperware e se la porta appresso per le strade…

Miss Pettigrew ce la fa senza la fata madrina

“Un giorno di gloria per Miss Pettigrew”, Winifred Watson, Neri Pozza. Non è credibile come storia, ma alla fine ci piace credere che una chance ce l’hanno tutti, anche le brillanti Miss Pettigrew che si nascondono sotto il loro cappottone di tweed. Miss Pettigrew istitutrice scialba a digiuno d’amore e di afetti, si imbatte in…

Guardare da dietro i vetri sporchi

“Le vergini suicide”, Jeffrey Eugenides, Mondadori. Eugenides col il suo tono calmo ti trascina dentro la storia e anche se alla fine non hai capito un piffero del perchè le sorelle Lisbon si siano suicidate, ti senti ormai uno dei vicini della famiglia Lisbon che spia dietro ai vetri sporchi.

Lo scafandro e la farfalla

“Lo scafandro e la farfalla”, Jean-Dominique Bauby, Ponte alle Grazie. Ciò che impressiona del libro è l’analisi lucida con cui l’autore di conduce nel limbo dei costretti a sopravvivere, l’ironia con cui riesce a parlare dell’opaca diffidenza che il corpo medico riesce a suscitare nei malati cronici. Un libro che porta a riflessioni ben più…

Tristezza per favore va via

“Ieri”, Agota Kristof, Einaudi. Un libricino piccolo piccolo ma denso. Si respira solitudine per tutto il tempo con questo libro tra le mani, già la copertina sapientemente studiata da einaudi è una gran botta di triste solitudine. Senza fronzoli l’autrice descrive il vuoto della vita di un immigrato in un paese fatto di volti estranei….

Quel noiosone di Mr Stevens

“Quel che resta del giorno”, Kazuo Ishiguro, Einaudi. Mr Stevens ha un che di irritante nel suo essere corretto e ligio al dovere, sempre ingessato nella sua divisa da maggiordomo anche quando deve dar corso alle sue emozioni. Potrebbe sembrare che non si emozioni mai, uno che si illude di aver scelto quel tipo di…

Nessuno ti giuro, nemmeno il destino

“Nemmeno il destino”, Gianfranco Bettin, Feltrinelli. Questo è uno di quei libri che leggi una volta preso dalla trama e poi ti viene da rileggere perchè alla fine ti accorgi che non l’hai gustato, ci sono dei picchi di poesia. Il titolo che riprende il refrain di una vecchia canzone di Mina, suggerisce candidamente il…

La donna in broccato nero senza un volto

“Ritratto di signora”, Henry James, Rizzoli. Bellissimo questo libro, descrizioni meravigliose di luoghi e persone, riesci a immaginare tutto alla perfezione, solo a un personaggio non riesci a dare un volto, a Isabel, la lei del ritratto di signora, sai tutto di lei, del suo modo di vedere le cose, cosa pensa, a cosa anela,…